Cerca
  • atestaingiurimini

FIGLI DELLA LIBERTÀ, LA PORTA E L'ORGANETTO


FIGLI DELLA LIBERTÀ, LA PORTA E L'ORGANETTO

Succede di trovarsi di fronte ad una porta.

Le porte non sono tutte uguali.

A volte sono chiuse, maestose e incutono timore al pensiero di aprirle.

Ci sono porte piccole e socchiuse che, nonostante il cuore batta in gola, ci spingono a curiosare.

Altre ancora sono spalancate e ci invitano ad entrare.

Può accadere che l'incoscienza ci faccia aprire con forza la porta chiusa e maestosa facendoci travolgere dall'oltre, ma può anche succedere che la curiosità diventi così incontenibile da farci sbirciare oltre l'uscio, oppure che la possibilità totale di entrare in uno spazio sconosciuto ci paralizzi facendoci chiudere la porta con un respiro corto.

Io non so cos'è successo martedì sera… so solo che tempo fa abbiamo aperto una porta... noi, persone, padri, madri e non solo, alla ricerca di risposte a domande che sono diventate sempre più chiare solo col passare del tempo… con paura mista ad incoscienza e gioia, abbiamo varcato quella porta, forti di non essere soli nel farlo siamo entrati in una stanza piena… imbrattata di preconcetti, schemi, tabù, strutture scontate, consolidate e piano abbiamo iniziato a ripulire, non senza fatica, fino a ritrovarci in una stanza vuota o quasi. A ben guardare ci sono ancora scatole lasciate lì: alcune presenti anche se ben chiuse, altre accatastate che proprio non riusciamo a chiudere perché l'ingombro ne supera la capienza, altre hanno ancora dentro contenuti probabilmente riutilizzabili.

Forse non riusciremo a sgomberare completamente quella stanza, però una cosa l'abbiamo fatta: abbiamo visto una porta e l'abbiamo aperta.


L'organetto suonava e le parole faticavano ad uscire per l'emozione e il tempo breve.

Serve tempo. Non solo per i bambini. Serve tempo per tutti. Forse è il tempo che ci rende liberi… di conoscere, di sentire, di respirare bene…

Forse avremmo potuto dire di più, dirvi di quanto è bello vedere i bambini felici, dirvi quanto tempo si impiega per costruire un progetto, della giornata delle ruote, raccontarvi il caos che si manifesta quando lasci davvero la libertà, trasmettervi la conquista di stare nei conflitti risolti, prolungarci sull'evidente bisogno di gioco come vera opportunità di apprendimento per imparare a stare con l'altro, insistere sul tempo necessario, un tempo lento, che si ripete ogni giorno, perché i bambini imparino che la scelta ha un valore.

Adesso quello che resta è questa porta con i pensieri di chi ha scelto di esprimersi. Li abbiamo ricopiati uno ad uno ed incollati qui, come simbolo di un breve momento condiviso per poterci ricordare che c'è sempre una porta che possiamo aprire.


Siamo riconoscenti a tutti voi che ci avete dato un'opportunità di ascolto, che avete giocato con noi scrivendovi su un cartoncino, alla squadra di appendini che hanno incollato sulla porta 152 bigliettini, a Stella e al suo organetto che spuntando dalla platea ci ha fatto sentire quanto la musica può aiutarci ad essere più leggeri, a noi di a testa in giù perché lo stare e fare insieme dà senso alle cose, a Patrizia per sostenerci con le sue illustrazioni e la sua grafica, ad Anna, Lucio e Gaia e al loro Figli della libertà, al cinema Settebello e, ultimi ma non ultimi, ai figli, tutti, perché ogni giorno con il loro essere, ci indicano la strada.

Ps: qualcuno ha scritto: “la libertà è… grave… non so neanche bene cosa scrivere… forse è molto grave”

Volevo mandare un messaggio tranquillizzante… non mi sembra grave… non credo nessuno sappia davvero cos'è… ma la stiamo cercando…

Valentina

- La libertà è poter dire tutto quello che si pensa senza sentirsi condizionati. Il film mi ha suscitato meraviglia, molti pensieri controversi su cosa sia giusto o meno; il dubbio sulla necessità delle regole o meno

- La libertà è la possibilità di esprimersi senza limitare/danneggiare la libertà altrui. Questo film ha suscitato in me molte domande ma la prima è: avete valutato altre realtà educative prima di crearne una nuova?

- Libertà= pace e sicurezza nello scegliere ed essere se stessi. Il film mi suscita rabbia ma anche coraggio e forza di cambiare. Tanta ammirazione per chi cambierà il mondo come loro

- Libertà... non essere vincolati alle etichette... Essere consapevoli delle proprie capacità espressive, partecipativi al segreto del mondo

- La libertà è divertirmi e vivere senza giudizi. Il film mi ha suscitato una gran voglia di esprimermi molto di più nella mia vita in modo creativo e scegliere di cambiare lavoro anche se non ho studiato per quel lavoro specifico

- Poter dormire quando voglio e potermi svegliare quando voglio.

- La libertà è il potere di realizzare le opere che il mio spirito detta alla persona che rappresento in questo mondo


- Bella sensazione, ma non del tutto per me reale. A me piacerebbe poter amalgamare il tutto con tutti. Senza creare troppi gruppi

- Libertà è conoscere se stessi, avere la capacità di fare scelte prive di condizionamenti

- La libertà è la mia serenità, sentirmi bene inserita nella società. Progetto molto interessate, idee molto valide, ancora da sviluppare

- Vivere perennemente certi che c'è una possibilità sempre (libertà). Il film mi ha dato speranza perché so che si impara dove c'è interesse

- Libertà è tutto. Senza libertà non può esserci nemmeno l'amore. Questo film mi ha dato speranza, rabbia e amore

- Libertà per il bambino è fare esprimere la propria anima. Libertà per l'adulto è abbandonare la propria personalità per ricoprire la sua anima che è la sua essenza

- Cos'è la libertà? Gioia e responsabilità personale. Se stessi. Cosa mi ha lasciato il film? Molti dubbi e... All'estero funziona sempre meglio

- La libertà oggi è essere coraggiosi, domani sicuramente spensierati e sereni solo di vivere, imparare, scambiarsi emozioni, sorridere

- La libertà è essere se stessi ascoltando il proprio cuore senza paura di essere giudicati. La libertà è felicità, la libertà è coraggio. Il film mi ha espresso questo

- Sono daccordo: il nostro unico obiettivo come genitori e insegnanti dovrebbe essere quello di crescere persone felici, che sappiano quelli che sono i loro desideri più profondi


- Questa serata mi ha suscitato tanta emozione, voglia di proseguire in ciò che vorrei portare avanti nel mio piccolo. Ma allo stesso tempo anche nuovi dubbi e perplessità

- C'è un bisogno enorme di cambiare radicalmente la scuola tradizionale. Le grandi rivoluzioni nascono dal basso e confido che la "rivoluzione" delle scuoline possa portare ad un cambiamento diffuso se non radicale... Almeno un buon compromesso

- La libertà è il vento che soffia i gigli del campo, che non lavorano e non mietono e non manca loro nulla. Il film non mi è piaciuto. Belle le testimonianze ma debole il filo (?) che li ha tenuti insieme. Sicuramente spunti interessanti

- Una parola sola forse non basterebbe, una frase credo, nemmeno... Magari ecco, forse, un immagine: salire su una collina e buttarsi a correre a perdifiato giù per la discesa

- La libertà è qualcosa di difficile e allo stesso tempo semplice. Difficile perché implica una responsabilità nei confronti della nostra vita. Semplice perché basterebbe così poco per cambiare

- La libertà è per me poter essere me stessa sempre e poterlo esprimere senza sentirmi in vergogna per essere "diversa" in questa società. Il film mi ha fatto pensare che non è mai troppo tardi per conoscersi veramente e scegliere chi essere

- Utopia realizzabile se la libertà viene rivista non come assenza di regole ma affermazione di bisogni


- Libertà = leggerezza. Mi ha innescato un momento di riflessione

- Apertura

- Lo sguardo dei bambini

- Supercalifragilistichespiralidoso

- L'importanza vitale di esperire personalmente e in gruppo

- Voglia di urlare

- Tanti dubbi

- Speranza, esperienza e concretezza

- Di agire senza giudizi e pregiudizi

- Esplorare nuove esperienze

- Libertà è poter decidere. Il film mi ha ispirato libertà

- Vado a bere una birra? Libertà di chiedermi cos'è la libertà

- Autenticità

- Presa di coscienza

- Libertà è scegliere in ogni momento la felicità

- Libertà: essere se stessi. Il film mi lascia dubbi e domande

- Leggerezza, gioia, movimento, esplorazione (smarrimento)entusiasmo esplorazione

- La libertà è la consapevolezza della mia essenza, dei miei limiti e sogni

- La libertà per me è poter seguire il proprio cuore. Il film mi da speranza nel futuro

- Voglia di credere, voglia di cambiare, voglia di ricreare

- La libertà non è stare su un albero... La libertà è partecipazione (G. Gaber )

- L'idea è molto interessante ma mi sento molto confusa anche se mi piacerebbe molto approfondire perché sono una mamma e ho vissuto una realtà molto molto diversa

- La libertà è, scegliere di essere quello che ognuno si sente di essere senza giudizi

- Per me la libertà è innanzitutto la possibilità di cambiare punto di vista. Questo documentario mi ha fatto capire che tutto è possibile, che ogni bambino è diverso dall'altro, ma proprio per questo speciale e andrebbe capito e ascoltato di più nel suo modo di essere

- La libertà rappresenta l'essere autentico! Essendo mamma mi ha lasciato tante domande e dubbi non risolti. Ma sicuramente stimolante e interessante

- La libertà è lasciare che il figlio che ho liberamente scelto di mettere al mondo scelga la vita che vuole. Questo film ha confermato la mia idea di homeschooler e di scolarizzato. Grazie

- Maestro Suzuki ha detto agli insegnanti che studiavano a Matsumudo:"tutte le idee sono valide, vorrei vedere il risultato tra dieci anni. Allora capiremo se quell'esercizio funziona o meno." Poter avere la libertà di pensare e di fare sicuramente porta verso una crescita personale e funzionale per te e per gli altri

- A testa in giù, con i piedi nudi, sentire la terra, sentirti radicato e presente, ascoltare la tua essenza. Ascolta te stesso

- La libertà non è nient'altro che il suono che emana questa parola pronunciandola. Un ottimo ed efficace spunto di riflessione

- Essere liberi di essere se stessi, di scegliere ciò che vogliamo. Il film mi ha emozionato e condivido il fatto che i genitori debbano sostenere con tutto l'amore i figli

- Libertà per me sarebbe riuscire a vivere senza condizionamenti esterni, senza sentirsi eternamente giudicati

- Libertà è essere se stessi, questo film in me ha generato un po' di confusione

- La libertà è la forza propulsiva che ci spinge verso la realizzazione della felicità

- Lasciarsi essere, sapendo e sentendo di potermi affidare a me stessa, perché prima ho potuto affidarmi a chi mi ha sostenuto nel modo adeguato

- Coscienza e presenza con se stessi. Essere padroni della propria felicità

- Libertà è liberarmi da credenze che limitano la mia massima espressione come individuo unico. Il film l'ho trovato innovativo

- Libertà è costruire insieme agli altri uno spazio di condivisione che ti permette di raggiungere i propri interessi

- Libertà: cielo, universo, espressione, scegliere, scoprire, ascoltare, credere, accogliere, viaggio, rispettare, fiducia, sorriso

- Intendo libertà il rispetto per l'essere, l'accettazione della infinità che siamo ognuno di noi

- Libertà è essere se stessi nel tempo e nello spazio. Il film... Emozione e spunti di riflessione da portare a casa

- Libertà? Non ci sono parole. Forse l'organetto che sta ora suonando è un'insieme di attimi di libertà

- Esprimersi nel rispetto della nostra reale natura. In armonia con noi stessi nel rispetto di noi stessi e gli altri


32 visualizzazioni
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now